Italia Celere, Cecchini: "Nessun poliziotto inglese a presidiare la stazione, è questo il modo di gestire un evento simile? Altissimo il pericolo di alleanze tra laziali e inglesi"

28.04.2018 11:29 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    vedi letture
Italia Celere, Cecchini: "Nessun poliziotto inglese a presidiare la stazione, è questo il modo di gestire un evento simile? Altissimo il pericolo di alleanze tra laziali e inglesi"
© foto di Alessandro Carducci

In questi giorni si è parlato molto anche dall'assenza della polizia inglese nel pre partita del match di Champions contro la Roma. Il Tempo riporta le parole di Andrea Cecchini, Italia Celere: "Nessun poliziotto era presente a presidiare la stazione né il famoso pub degli inglesi né tantomeno il viale che porta al settore ospiti, all’entrata del quale ci sono solo quattro poliziotti (tra i quali una donna) con un fratino giallo – quindi non in tenuta antisommossa – che aspettano l’arrivo dei 2500 tifosi giallorossi. Non hanno controllato nessuno, nel pregara di una partita ad altissimo rischio. I romanisti che avevano parcheggiato la propria auto all’area di sosta in fondo hanno subito agguati dagli inglesi. È il modo, questo, di gestire un evento simile?".

Sull'eventualità di un'alleanza tra i tifosi della Lazio e quelli del Liverpool: “I poliziotti inglesi vengono a Roma a fare un sopralluogo e a dettare le regole al Viminale e intanto ecco la genialità di far allenare i Reds a Formello, alimentando da giorni voci su un possibile gemellaggio. Abbiamo certezza dell’arrivo di almeno mille ultras inglesi, e considerato che la tifoseria della Lazio in passato ha già fatto gemellaggi con tifoserie violente come quelle ceche, croate e polacche, il rischio di questa nuova alleanza è altissimo. Quando vengono questi tifosi stranieri non c’è tessera del tifoso, né daspo né altro, faranno il comodo loro e noi dovremo fare la scorta a loro".