Capello: "In Italia giovani di assoluto valore come Zaniolo. VAR? Chi la gestisce ha meno personalità di chi arbitra"

06.12.2018 08:43 di Luca d'Alessandro Twitter:   articolo letto 10039 volte
Capello: "In Italia giovani di assoluto valore come Zaniolo. VAR? Chi la gestisce ha meno personalità di chi arbitra"

Questo uno stralcio dell'intervista di Fabio Capello a La Repubblica. L'ex tecnico giallorosso ha trattato molti temi, tra cui Zaniolo e il VAR:

 

È cominciata una stagione nuova anche per la nazionale: come la vede, il CT Capello?
«Molto bene. Le ultime partite hanno espresso il gioco; il gol verrà. E poi abbiamo finalmente dei giovani di assoluto valore, cominciando da quel portiere ragazzino che è già un veterano. Ma sono in tanti a piacermi, ad esempio Zaniolo che sa fare molte cose bene, e poi Barella, forte anche lui. Però quello che mi piace più di tutti è Sensi, veloce di cervello anche quando cerca il gioco lungo. Il comodo girone di qualificazione europea aiuterà il lavoro di Mancini».

E il lavoro del VAR, chi l’aiuta?
«Meno male che esiste! Ma se chi gestisce il marchingegno ha meno personalità di chi arbitra, il Var diventa inutile».