Stadio, Dorrett: "Il genio dietro a tutto è Pallotta. Le piazze progettate per essere completamente multifunzionali"

13.03.2018 12:20 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:   articolo letto 14570 volte
Stadio, Dorrett: "Il genio dietro a tutto è Pallotta. Le piazze progettate per essere completamente multifunzionali"

Gordon Dorrett è l'anima della Forrec, la società specializzata in parchi a tema cui è stato affidato il compito di far vivere lo stadio della Roma e tutto ciò che gli ruoterà attorno. Dorrett è diventato, di recente, il direttore esecutivo dei progetti e si occuperà, quindi, in prima persona del nuovo stadio: "Il genio dietro a tutto è Pallotta - le sue parole riportate da blooloop.com -. Vuole creare una nuova casa per la squadra, abbiamo ascoltato e capito la sua visione e ci siamo subito intesi al volo. Ci siamo chiesti perché i romani dovessero fare mezz’ora di macchina per venire a visitare questo posto? Dovrà esserci il senso della scoperta e il senso del movimento e sarà uno degli spazi per persone tra i più studiati al mondo”.

Sarà dato ampio spazio anche alla Hall of Fame: "Stanno avendo molto successo in Europa. Con una storia da raccontare, lo stadio e il tour dello stesso, diviene una combinazione naturale" 

Le sculture - “Vogliamo costruire un parco artistico con delle sculture. Saranno predisposte delle aree dove sarà possibile ammirare delle opere contemporanee o, eventualmente, anche opere prese in prestito dalle maggiori istituzioni artistiche di Roma. Stiamo studiando una serie di soluzioni tecnologiche. Ci potrebbero essere degli enigmi, degli indovinelli, mentre cammini, semplici nomi scritti sui mattoni, potrebbe esserci lo stemma della Roma, potrebbe trattarsi di stelle del passato. Mentre vaghi puoi usare indizi per rispondere alle domande. Devi quindi trovare vari artefatti che riguardino il sito e la squadra, sia in forma normale che in forma virtuale".

Sui parcheggi: “I tifosi saranno entusiasti di questo. Le persone potranno semplicemente arrivare e parcheggiare”. 

L'idea alla base di tutto: “Non sarà il tipico centro commerciale con neanche un briciolo di immaginazione. Ci sarà davvero molto in ambito  di intrattenimento e di cibo, ma la vendita al dettaglio sarà di nicchia. Le piazze sono state tutte progettate per essere completamente multifunzionali, ad ogni livello, da spazi da pranzo molto intimi fino ad una capacità che possa raggiungere le 10 mila persone. Una potrà essere perfetta per un evento aziendale, un’altra per una sfilata di moda o uno show di auto”.