Paulo Sergio: "Si vedeva che Di Francesco sarebbe diventato un bravo allenatore. Tommasi può dare il suo contributo alla FIGC"

13.01.2018 10:22 di Marco Rossi Mercanti Twitter:   articolo letto 5107 volte
Fonte: Goal
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Paulo Sergio: "Si vedeva che Di Francesco sarebbe diventato un bravo allenatore. Tommasi può dare il suo contributo alla FIGC"

L'ex attaccante giallorosso Paulo Sergio è intervenuto ai microfoni di Goal. Queste uno stralcio delle sue dichiarazioni:

"Quando sono arrivato a Roma, Totti era giovane ma si vedeva già un potenziale molto grande. Ha fatto un bellissimo lavoro con Zeman e proprio Zeman lo ha portato in alto anche perché in quel momento abbiamo formato una squadra pronta per vincere lo Scudetto. Eravamo una bellissima squadra con Pluto (Aldair, ndr), Cafu, Balbo, Delvecchio, Francesco, Di Biagio, Konsel, Candela…, tant’è che dopo, quando io ero andato al Bayern Monaco, la Roma ha vinto lo Scudetto. Ma era lo stesso gruppo. Totti dirigente? Prima di farmi un'idea voglio aspettare un po’ perché Francesco non lo vedo ancora come un dirigente. L’ho sempre visto in campo e lui non parlava molto ma so che è uno che può essere importantissimo per la Roma, può aggiungere tantissimo e credo che essendo rimasto a casa stia molto bene”.

Ai miei tempi non si parlava molto del fatto che vincere a Roma fosse più difficile che altrove. Si sapeva che era difficile vincere, però abbiamo fatto un buon lavoro per riuscirci: un lavoro cominciato con Zeman, poi è arrivato Capello con la sua esperienza e ha portato la Roma fino alla vittoria dello scudetto. Ed è stato bellissimo anche per me. Tommasi presidente della FIGC? Io e Damiano abbiamo giocato insieme. Credo che possa dare il suo contributo, Tommasi è sempre stato un ragazzo serio, una persona d’esperienza e credo possa essere proprio la persona che può aiutare l’Italia a tornare in alto nei prossimi anni. Di Francesco e Di Biagio? Si vedeva che sarebbero diventati dei bravi allenatori. Credo che quella Roma aveva tantissimi giocatori in grado di fare molte cose fuori dal campo e poi si è visto. Tu hai parlato di loro, ma Cafu ha fatto tanto in Brasile, Balbo in Argentina, io sono ambasciatore della Bundesliga... in molti abbiamo fatto tanto dopo aver smesso di giocare".