Boniek: "Non ho capito l'uso del VAR, per me il rigore su Dzeko non c'era"

 di Marco Rossi Mercanti Twitter:   articolo letto 12784 volte
Fonte: Tele Radio Stereo
© foto di NewsPix/Image Sport
Boniek: "Non ho capito l'uso del VAR, per me il rigore su Dzeko non c'era"

L'ex giallorosso Zibi Boniek è intervenuto a Tele Radio Stereo:

"Ieri ero a cena da amici a guardare la partita, su 25 persone c’erano solo tre romanisti, gli altri tutti tifosi di Lazio, Juventus e Napoli. Al gol è venuto un coccolone a tutti. L'uso del VAR? Non l’ho capito. Il VAR è un’evoluzione giusta perché toglie i dubbi. Il rigore per me assolutamente non c’era, il portiere va in scivolata ma Dzeko ha fatto di tutto per farsi toccare. Chiaro che devono controllare, però se non si vede niente in maniera chiara non puoi far andare l’arbitro. Cosa può vedere di più chi è al VAR? Penso che gli addetti al VAR abbiano detto all’arbitro di andare a rivedere. Il VAR è una cosa nuova, ogni tanto si fa qualche piccolo errore, l’abbiamo vista tutti l’azione e secondo me è uno scontro assolutamente ininfluente. Il gol di Fazio? Il portiere è intervenuto per allontanare la palla, se l’ha indirizzata verso la mano di Fazio il gol doveva essere annullato. Il fuorigioco non c’è, Fazio dice di averla presa con la pancia ed è giusto dare il gol. È un campionato strano, nessuno vuole scappare. Una partita così può essere un segnale positivo, cambia l’andamento della stagione di una squadra, ieri la Roma ha meritato di vincere. Non ha segnato perché ha giocato con due attaccanti che un po’ si ostacolavano. Schick ha grandi potenzialità ma deve entrare in forma. Schick? Gioca bene, ha numeri e facilità di gioco ma sono 5 mesi che è fermo. I numeri ce li ha. La Roma attacca più per difendersi che per far male? La Roma ha bisogno di due giocatori molto larghi, che poi attacchino la fascia e l’area. Ieri è mancato un po’ questo aspetto ma c’è anche l’avversario, che ha giocato molto bene. Che segnale ha dato Di Francesco facendo giocare Nainggolan? È una cosa che ho sentito e mi fa ridere. La Roma doveva vincere con Chievo e Cagliari, per andare a giocare serena con la Juventus. Il VAR? Porta polemica, nel calcio ci sarà sempre perché è un gioco frutto di polemiche. Col Var si evitano grossi errori, va collaudato ma dobbiamo abituarci. Cambierà sicuramente il protocollo, magari l’allenatore avrà possibilità una volta a partita di chiedere un intervento. Il VAR è un aiuto agli arbitri. Come ho visto la coppia Dzeko-Schick? Bene, giocavano un po’ nella stessa area ma sono giocatori diversi. Dzeko è un grande opportunista in area di rigore, Schick può andare in progressione ed è forte nell’uno contro uno. Bisogna migliorare l’intesa tra i due".