COVID-19 - Francia verso un mese di lockdown. Il Premier Conte: "DPCM varato per evitare il lockdown generalizzato, possibile quello locale". Incontro a Palazzo Chigi: non c'è la Serie A

27.10.2020 22:33 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    Vedi letture
COVID-19 - Francia verso un mese di lockdown. Il Premier Conte: "DPCM varato per evitare il lockdown generalizzato, possibile quello locale". Incontro a Palazzo Chigi: non c'è la Serie A
Vocegiallorossa.it

L'emergenza Coronavirus continua a non dare tregua non solo in Italia, ma in tutto il pianeta. Per quanto riguarda il nostro paese, nelle ultime 24 ore i contagi sono aumentati ancora (+21.994), arrivando così a toccare quota 564.778. Nello specifico, 255.090 attualmente positivi (+18.406), 271.988 guariti (+3.362) e 37.700 decessi (+221).
Vocegiallorossa.it propone nuovamente ai nostri lettori tutti i principali aggiornamenti legati alla pandemia.

22:32 - Secondo indiscrezioni di Bfm-Tv, la Francia dovrebbe adottare un lockdown a partire dalla mezzanotte di giovedì 29 ottobre per arginare l'emergenze Coronavirus, con oltre 50.000 nuovi contagi registrati anche oggi. La misura dovrebbe restare in vigore per un mese.

21:49 - La Juventus non avrà a disposizione Cristiano Ronaldo per la sfida di domani sera contro il Barcellona in Champions League. Il campione in maglia numero 7, infatti, è risultato ancora positivo al tampone.

21:15 - Buone notizie per Giulio Maggiore, che è ufficialmente risultato negativo al termine della quarantena obbligatoria dopo aver contratto il COVID-19 e che nei prossimi giorni dovrà sostenere le visite mediche di rito, seguite da una ripresa graduale monitorata per poter rientrare in gruppo. Lo si legge sul sito ufficiale dello Spezia.

20:07 - Dopo l'approvazione del Decreto Ristori, il Premier Giuseppe Conte ha rilasciato le seguenti dichiarazioni. Eccone uno stralcio riprese da tuttomercatoweb.com:

"Stiamo lavorando per evitare un lockdown generalizzato. Per farlo dobbiamo operare adesso, con scelte dolorose. Non c'è una misura restrittiva che non abbia un impatto. Se parliamo di attività ricreative, ci sono operatori del settore. Lo stesso se parliamo, ad esempio, di rappresentazioni teatrali. Abbiamo cercato di limitare al massimo le restrizioni. Per questo c'è il Decreto Ristori, fatto con una corsa contro il tempo pazzesco. C'è gente che soffre e non può aspettare. Lockdown a livello locale? Sì, esiste questa possibilità".

19:19 - Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi sull'allarme COVID che rischia di decimare la squadra: "Adesso siamo in sedici. Domani in giornata la società farà un comunicato in merito alla situazione Covid. Non ce lo aspettavamo, dopo la bella partenza con il Dortmund volevamo venire qui al completo. Sono sicuro che chi scenderà in campo darà il 120% per questa maglia".

17:35 - Sono 21.994 i nuovi contagi di oggi. Qui i numeri del bollettino odierno.

17:07 - Il vertice straordinario andato in scena oggi e indetto dal presidente del consiglio Giuseppe Conte insieme con il ministro dello sport Vincenzo Spadafora ha causato non poche polemiche. Dopo le parole di Gravina e Petrucci, non invitati, gli ha fatto eco il numero uno del CONI Giovanni Malagò: "Ho ringraziato il presidente e i ministri per il tempo dedicato al mondo dello sport, una riunione di un’ora e 40 minuti. Ma c’erano persone rispettabilissime che rappresentavano interessi molto diversi fra loro", ha detto il presidente del Coni riferendosi alla presenza delle associazioni di gestori e del Comitato 4.0. "Mi sono trovato, lo dico affettuosamente, in difficoltà di fronte a una specie di minestrone. La riforma dello sport? È pensabile oggi salvaguardare la figura del lavoratore sportivo dentro una società sportiva quando questa ha chiuso o rischia di chiudere? Se questa situazione la affronti quando il mare è in tempesta, tutto questo rappresenta un esercizio al limite dell’autolesionismo".

Duro attacco al DPCM: "Ci ha lasciati molto male. La maggior parte degli sport sono coinvolti perché si svolgono in palestra e nelle piscine. È stato calato dall’alto anche perché i dati certificavano che i compiti a casa erano stati fatti bene come dicono tutti i verbali dei controlli. Chi ha investito in questi giorni sulla sicurezza rispettando le regole, ha visto il suo impegno vanificarsi. La cosa peggiore sta nella comunicazione: si erano create delle aspettative che sono state rimaste deluse. Il provvedimento è devastante per la generazione fra i 10 e i 14 anni. E ha criticato le modalità dell’incontro organizzato dal premier Conte e dal ministro Spadafora con il mondo dello sport sul tema delle chiusure.

16:38 - Anche il numero uno della FIFA Gianni Infantino è positivo al Covid-19. A comunicarlo la stessa FIFA, che parla di un Infantino con sintomi lievi e in questo momento in auto-isolamento. Infantino rimarrà adesso in quarantena per almeno dieci giorni.

14:12 - È cominciato da poco a Palazzo Chigi un vertice straordinario con il mondo dello sport indetto dal presidente del consiglio Giuseppe Conte insieme con il ministro dello sport Vincenzo Spadafora. Sono stati invitati fra gli altri - riporta La Gazzetta dello Sport - i presidenti di Coni e Cip, Malagò e Pancalli, e il numero uno della Federnuoto Barelli. Ci sono anche i presidenti di diversi consorzi di gestori di impianti sportivi. È prevista anche la presenza di Francesco Ghirelli, presidente di Lega Pro (parteciperà in quanto rappresentante del Comitato 4.0), e per gli enti di promozione di Damiano Lembo, presidente dell’Unione Sportiva Acli. Tema dell’incontro, un chiarimento generale sulle decisioni che hanno portato alle chiusure di questi giorni e i primi aiuti che probabilmente arriveranno già nel decreto legge "ristoro" che il Governo si appresta ad approvare oggi pomeriggio. La presenza di Ghirelli fa pensare che si parlerà anche del calcio di serie C. Non è prevista invece la presenza delle altre leghe calcistiche in particolare quella di Serie A, che aveva inviato al premier domenica sera una lettera evidenziando il “rischio collasso” e la necessità di aiuti al settore anche sotto forma di sospensione di versamenti fiscali.

13:13 - Questo il bollettino dello Spallanzani di Roma, in merito al Covid-19: pazienti ricoverati 244, 42 in terapia intensiva, 980 dimessi. 

13:00 - Focolaio in casa Lazio? - Lazio in totale emergenza alla vigilia della sfida contro il Club Brugge. Questa mattina la squadra biancoceleste s'è presentata per l'allenamento della vigilia senza Luis Alberto, Immobile, Pereira, Lucas Leiva, Lazzari, Cataldi, Luiz Felipe, Strakosha e Armini. Scattata subito l'ipotesi di un focolaio, anche se al momento mancano comunicazioni ufficiali da parte del club. Assente anche Escalante, ma quest'ultimo è alle prese con un problema al flessore.

12:40 - (ANSA) - TORINO, 27 OTT - La Juventus è in campo per la rifinitura pre-Barcellona: il tecnico Andrea Pirlo sta ultimando i preparativi per il big match di domani sera allo Stadium, ma ha diversi problemi di formazione. In difesa gli uomini sono contati: durante i 15 minuti di allenamento aperti alla stadio, Leonardo Bonucci ha svolto un riscaldamento personalizzato e non si è visto Giorgio Chiellini, dunque i due centrali sono in forte dubbio. E poi si aspettano novità da Cristiano Ronaldo, la cui presenza nella sfida contro Leo Messi è legata all'esito del tampone. (ANSA).

12:20 - Gomez su Ilicic - L'Atalanta ha riabbracciato Josip Ilicic, ma per lo sloveno non è stato facile. Lo racconta, a TYCSports, Alejandro Gomez: "Ha avuto il Covid e ha sofferto molto, è andato in depressione. Arriva un momento in cui la testa ti esplode. Per fortuna ha recuperato e sta bene, lui è importantissimo per noi".

12:00 - È dramma in casa Reggiana, perché il Covid-19 non dà tregua al club. Dai nuovi test effettuati, sono state riscontrate altre due positività al virus, con il numero di contagiati del gruppo squadra che sale ora a 29.
Di seguito la nota del club: "AC Reggiana comunica che – dagli accertamenti effettuati nelle ultime ore sui componenti del gruppo squadra negativi ai controlli svolti in seguito alla trasferta di Ascoli – sono emersi due nuovi casi di positività al Covid-19, riguardanti un calciatore e un membro dello staff tecnico. La situazione coinvolge ad oggi 29 tesserati: 22 calciatori e 7 componenti dello staff".

11.55 - Skriniar torna a Milano? - L'Inter aspetta Milan Skriniar. Il difensore slovacco, causa Covid, sarà assente anche questa sera contro lo Shakhtar, ma i nerazzurri sono pronti a riabbracciarlo. La società sta lavorando con le autorità slovacche per organizzare, tra oggi e domani, il suo rientro a Milano, dove poi andrebbe a svolgere il prossimo tampone (anche l'ultimo è risultato positivo).

11:30 - La sfida tra Borussia Mönchengladbach e Real Madrid in programma stasera, valida per la seconda giornata della fase a gironi della Champions League (stesso Gruppo dell'Inter), si giocherà a porte chiuse. Lo ha annunciato il club tedesco in un comunicato: fino ad ora era prevista una presenza simbolica di 300 spettatori sugli spalti, dopo che, a causa dell'aumento dei casi di coronavirus nella regione, non era stato possibile continuare a riempire lo stadio per il 20% della sua capienza, cioè circa 10.000 spettatori. Erano già stati venduti tutti i 10.804 biglietti disponibili, ma le autorità sanitarie hanno revocato l'autorizzazione iniziale a causa dell'aumento dei contagi.

9:45 - Come scrive La Gazzetta dello Sport: "Calcio in pressing sul Governo. Senza aiuti collassa tutto". Ieri nuovi contatti per cercare di strappare un sostegno, almeno indiretto, con la sospensione dei versamenti fiscali. Alla fine della giornata si è mosso qualcosa, difficile immaginare un intervento immediato nel cosiddetto decreto "ristoro" che sarà approvato oggi dal Consiglio dei ministri e che prevede però interventi "sportivi" solo alla base della piramide. Il ministro dell'economia Gualtieri avrebbe però espresso a Gravina l'impegno per un intervento in sede di Legge di Bilancio, ormai alle porte.