Chievo Verona, la Procura della FIGC chiede -15 punti per illecito amministrativo

Accusa di illecito amministrativo, presente anche il Crotone
12.09.2018 15:16 di Luca d'Alessandro Twitter:    vedi letture
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA
© foto di ANSA

Oggi è stato il giorno del processo bis al Chievo per la vicenda delle presunte plusvalenze fittizie. L'udienza si è tenuta al Tribunale federale nazionale della Figc.

15.00 -  (ANSA) - ROMA, 12 SET - Dopo il processo in Figc, per le plusvalenze fittizie, parla l'avv. del Chievo, Marco De Luca: "Abbiamo posto le nostre ragioni anticipate con una memoria molto documentata - le sue parole - fatto presente che le contestazioni della Procura federale sono totalmente infondate. Per i calcoli e i valori dei giocatori, la Procura fa riferimento a certi siti internet e valori sbagliati per le transazioni negli ultimi anni. Non vedo perché le abbia potute prendere a riferimento. Valori per ragazzi sotto i 15-16 anni sono soggettivi". Facendo riferimento alla Covisoc, il legale dei clivensi ha osservato che la Commissione "entra sempre nel merito e anche quest'anno ha ammesso al campionato il Chievo, ritenendo regolare la posizione a bilancio e gestionale". Entrando nel dettaglio, il Chievo ha chiesto l'improcedibilità del processo per un difetto di forma: "Qui c'è un dato di fondo - ha osservato De Luca - che il deferimento non è firmato dal procuratore, ci hanno detto perché il procuratore era al mare...".



12.15 - (ANSA) - ROMA, 12 SET - Una penalizzazione di 15 punti nei confronti del Chievo, da scontare nella stagione in corso: è la richiesta avanzata dalla Procura federale della Figc nel processo bis davanti al Tribunale federale nazionale presieduto da Cesare Mastrocola, per la vicenda delle presunte plusvalenze fittizie. Per Luca Campedelli la richiesta è di 36 mesi di inibizione.

11:40 - (ANSA) - ROMA, 12 SET - È iniziato dinanzi al Tribunale federale nazionale della Figc, guidato da Cesare Mastrocola, il processo bis nei confronti del Chievo e del suo presidente, Luca Campedelli, per la vicenda delle presunte plusvalenze fittizie. Il Chievo, accusato con il Cesena di illecito amministrativo relativo al triennio 2014/17, è stato deferito per responsabilità diretta e oggettiva. Il 25 luglio scorso il Tribunale aveva dichiarato l'improcedibilità nei confronti del club veneto per la mancata audizione del proprio presidente e aveva inviato di nuovo gli atti alla Procura federale, costretta a istruire un nuovo procedimento. In quell'occasione, la Procura Figc aveva chiesto nei confronti del club una penalizzazione di 15 punti da scontare nella stagione precedente, quindi la retrocessione, e nei confronti di Campedelli un'inibizione di 36 mesi. Discorso diverso potrebbe riguardare il Cesena che nel frattempo è fallito. Presente a processo (che si svolgerà a porte chiuse) anche il Crotone che chiederà di essere ammesso.