Napoli, Politano: "Inseguiamo l'Europa e la finale di Coppa Italia"

07.02.2020 04:00 di Gabriele Chiocchio Twitter:    vedi letture
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA
© foto di ANSA

(ANSA) - NAPOLI, 06 FEB - "Vincere a Genova è stata una grande prova di carattere. Se sei avanti due gol e ti fai riprendere non è facile rimettersi in carreggiata e vincere 4-2, siamo stati bravi a rimanerci con la testa". Lo ha detto Matteo Politano a Radio Kiss Kiss Napoli, commentando il match con la Sampdoria, in cui ha esordito in azzurro seppure all'80'. "Chi è entrato - ha detto - ha fatto bene, come dimostrano i gol di Demme e Mertens. E' importante che Gattuso abbia una panchina così forte. Poche squadre hanno una panchina del genere, fortunatamente in tanti a partire da Koulibaly e Mertens hanno recuperato. In attacco siamo forti, siamo una delle squadre con più alternative della serie A e dovrà essere bravo il mister a scegliere i migliori volta per volta". Politano analizza anche la crescita del Napoli in queste settimane dal ko contro l'Inter: "In quella partita - spiega l'esterno che era in campo con i nerazzurri nel 3-1 al San Paolo - si era già visto un bel Napoli. Nel primo tempo ci avevano messo in forte difficoltà, poi due errori hanno cambiato la partita, ma si vedeva un Napoli in ripresa, e infatti contro Lazio e Juve sono riusciti a fare la partita. Io quel 6 gennaio non pensavo che oggi sarei stato qui, c'erano stati approcci da parte di Giuntoli ma il mercato era all'inizio". L'esterno fissa anche gli obiettivi del Napoli: "A Lecce - spiega - ci aspetta una partita difficile ma siamo concentrati a fare punti, siamo a meno due dall'Europa League che è l'obiettivo minimo. Poi andremo a San Siro per la semifinale di Coppa Italia e cercheremo di fare la partita per arrivare in finale, è il primo obiettivo ora. Sicuramente parlerò con Gattuso dei movimenti dei nerazzurri. Poi penseremo alla Champions con il Barcellona: ci ho giocato con l'Inter e so che dovremo sfruttare al meglio ogni occasione, perché ne concedono poche ma le concedono". (ANSA).