Acerbi: "Squinzi non alzava mai la voce"

08.10.2019 04:00 di Alessandro Pau   Vedi letture
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA

(ANSA) - MILANO, 7 OTT - "Dovevo esserci perché il dottore è una persona di valore riconosciuta anche all'estero. Un grande uomo, ho pianto quando ho appreso la notizia, è il minimo essere qua per ricordare la sua persona. Mi è stato vicino, ho cercato di stargli vicino anche io per quello che è stato possibile, non potevo mancare. Mi impressionava l'umiltà che aveva e la chiarezza con la quale diceva le cose. Non ha mai alzato la voce, quelle poche parole che diceva erano ben chiare". È il ricordo del difensore della Lazio, Francesco Acerbi, all'arrivo al Duomo di Milano per i funerali dell'ex patron del Sassuolo, Giorgio Squinzi. "Non voleva che io andassi alla Lazio - aggiunge Acerbi che ha avuto un permesso dal ct Mancini per raggiungere il ritiro della Nazionale a Coverciano - ma come un padre che lascia andare il suo figlio, mi ha fatto partire".