VERSIONE MOBILE
TMW   
 Domenica 22 Gennaio 2017
22 Gen 2017 20:45
Serie A TIM 2016-2017
  VS  
Roma   Cagliari
[ Precedenti ]
SCACCO MATTO

Scacco Matto - Lazio-Roma 1-4, Spalletti colpisce nel segno

04.04.2016 21:10 di Gabriele Chiocchio Twitter:   articolo letto 6836 volte
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Gabriele Chiocchio
© foto di www.imagephotoagency.it
Scacco Matto - Lazio-Roma 1-4, Spalletti colpisce nel segno

La Roma domina e vince il derby: 4-1 il risultato della stracittadina, che proietta i giallorossi a -4 dal Napoli in chiave secondo posto.

LE SCELTE - Nelle grandi partite Spalletti non ha mai cambiato schieramento e non lo fa neanche stavolta: Edin Džeko va ancora in panchina e il tridente offensivo è composto da Mohamed Salah, Diego Perotti e Stephan El Shaarawy. A centrocampo confermato Seydou Keita al posto di Daniele De Rossi, insieme a Radja Nainggolan e Miralem Pjanić. Nella Lazio è Matri a vincere il ballottaggio con Miroslav Klose per il posto da centravanti tra Antonio Candreva e Felipe Anderson. Con l’assenza di Sergej Milinković-Savić è Danilo Cataldi a completare il centrocampo, mentre la difesa vede la presenza di riserve come Patric, Hoedt, Biševac e Braafheid.

LA PARTITA - Come ampiamente prevedibile, è la Roma che fa la partita: la Lazio riduce al minimo sindacale il numero di inneschi del pressing (praticamente confinato al solo Lucas Digne) e lascia i giallorossi manovrare dal basso. La squadra di Spalletti conosce le difficoltà di intesa della difesa messa in campo da Pioli e prova a sfruttarle lanciando lungo più volte per Salah tra i due centrali, ma è in realtà sufficiente un semplice cross di Digne per far sì che El Shaarawy possa colpire indisturbato di testa. I biancocelesti, in particolare, non riescono a leggere tre mosse: lo spostamento autonomo di Perotti sulla sinistra, quello di Pjanić in posizione di regista e quello di Nainggolan tra le linee. L’opposizione della mediana di Pioli è praticamente inesistente e non c’è di fatto contesa del pallone, che resta saldamente tra i piedi dei giocatori della Roma, che concedono qualcosa solo in transizione e che a loro volta in transizione provano a colpire: nei minuti intorno alla mezz’ora si crea un ping-pong abbastanza incomprensibile a questo punto della gara, poi riportata alla normalità dall’abbassamento dei ritmi dei centrocampisti giallorossi. La squadra di Spalletti difetta a volte in precisione, con troppi ricami in alcuni casi (Salah, che si trova più volte sulla sua mattonella rinunciando alla conclusione) e troppa voglia di concludere in altri (Radja Nainggolan, la cui voglia di segnare è percepibile già dalla prima conclusione della partita), ma nei primi 45 minuti, di fatto, non lascia spazio alcuno all’offensiva avversaria.

I CAMBI - Botta e risposta a inizio della ripresa tra i due allenatori, per cambiare una gara che sembra ampiamente indirizzata. Pioli inizia, richiamando Matri e Candreva e inserendo Klose e Keita: in particolare, il numero 14 ha il compito di puntare Florenzi nell’uno contro uno e i suoi compagni quello di permetterglielo, lasciandolo isolato e non occupando la sua zona di campo. La risposta di Spalletti è l’ingresso di Edin Džeko per El Shaarawy: il tecnico si aspetta di dover rilanciare più spesso e la presenza del bosniaco è ideale per lottare sui palloni alti, pur pagando il prezzo di un possesso che diventa meno fluido, con Perotti spostato a fare l’ala pura. I dividendi, però, arrivano in zona gol, proprio grazie al 9 che insacca la respinta sul palo di Perotti e che fa iniziare un’altra partita: quelli che separano la Lazio dal triplice fischio di Banti sono di fatto gli ultimi minuti di una stagione che ha visto sfumare uno alla volta tutti gli obiettivi, e i biancocelesti sciolgono ogni briglia rimasta. Keita punta in continuazione Florenzi, cercando la giocata su Klose in modo simile a quanto accaduto lo scorso anno in occasione del gol di Djordjević, e la Roma fatica a ripartire e si scopre poco intensa dentro l’area di rigore. La leggerezza della Lazio diventa quasi insostenibile per la Roma, che inserisce Iago Falque al posto dell’infortunato Nainggolan per ripristinare un assetto simile a quello di partenza, ma il possesso non carbura e un errore di Szczęsny permette a Parolo di segnare il gol che riapre il match. Spalletti vede tutto e apporta i correttivi, stavolta efficaci: entra Zukanović per Salah e l’avversario di Keita diventa Rüdiger, con Florenzi spostato più avanti. Anche in questo caso i dividendi sono immediati: proprio Florenzi, con una prodezza, spegne le velleità della Lazio, che passa al 4-2-4 con l’inserimento proprio del 9, ma che, sbilanciata e disunita, finisce per incassare la quarta rete di Perotti e per chiudere in 10 dopo l’espulsione di Hoedt.

LA CHIAVE - Spalletti è stato bravo a puntare sin dall’inizio sulle difficoltà d’organico e di gioco della Lazio e le sue mosse non sono state lette adeguatamente dalla squadra di Pioli. Probabilmente si potevano gestire meglio anche quei venti minuti della ripresa in cui i biancocelesti hanno provato il tutto per tutto, ma anche in questo caso sono stati apportati i giusti correttivi e si è convertito in risultato tutta la differenza tecnica e di momento delle due squadre.

 


Altre notizie - Scacco Matto
Altre notizie
 

LA SECONDA OCCASIONE

La seconda occasionePoco più di un anno fa, uno dei primi pensieri razionali concepibili dopo l’inconcepibile eliminazione in Coppa Italia con lo Spezia e il mancato accesso a un comodo quarto di finale contro l’Alessandria, era “e quando ricapita un’occasione cos&igra...
Roma-Sampdoria 4-0

ESCLUSIVA VG - VERGASSOLA: "ROMA IN SALUTE, SAMPDORIA POCO LUCIDA. SCUDETTO? LA JUVE HA PERSO COLPI, GIALLOROSSI PIÙ SQUADRA"

ESCLUSIVA VG - Vergassola: "Roma in salute, Sampdoria poco lucida. Scudetto? La Juve ha perso colpi, giallorossi più squadra"Simone Vergassola, ex calciatore della Sampdoria prossima avversaria della Roma in Tim Cup, è intervenuto ai microfoni...

SPALLETTI: "LA DIFESA BLINDATA? I GIOCATORI HANNO LAVORATO BENE". VIDEO!

Spalletti: "La difesa blindata? I giocatori hanno lavorato bene". VIDEO!Nel post partita della gara contro la Sampdoria, a Luciano Spalletti è stato chiesto quale sia stato il momento di...

TWITTER, RÜDIGER TESTIMONIAL PER LA CAMPAGNA DI SISAL MATCHPOINT CONTRO LE DIFFERENZE DI GENERE NEL CALCIO. VIDEO!

Twitter, Rüdiger testimonial per la campagna di Sisal Matchpoint contro le differenze di genere nel calcio. VIDEO!Antonio Rüdiger si è reso protagonista di un simpatico video realizzato da Sisal Matchpoint, e pubblicato su...

STADIO - IL COMUNICATO DEL COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI LAZIO MOBILITÀ ALTERNATIVA

Stadio - Il comunicato del Coordinamento Associazioni Lazio Mobilità AlternativaIl sito salviamoilpaesaggio.roma.it ha pubblicato un lungo comunicato del Coordinamento Associazioni Lazio Mobilità...

UDINESE – ROMA 1993: 1-2, RIZZITELLI PROTAGONISTA ASSOLUTO DEL MATCH. IL SUCCESSO ESTERNO MANCAVA DA OTTO MESI

Udinese – Roma 1993: 1-2, Rizzitelli protagonista assoluto del match. Il successo esterno mancava da otto mesiLa Roma torna alla vittoria in trasferta dopo otto mesi. Un match combattuto tra i friulani ed i capitolini; un palo per...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 22 Gennaio 2017.
 
Juventus (-1) 45
 
Roma 44
 
Napoli (1) 44
 
Lazio 40
 
Milan 37
 
Inter 36
 
Atalanta 35
 
Fiorentina 33
 
Torino 30
 
Cagliari 26
 
Chievo Verona (1) 25
 
Udinese 25
 
Sampdoria 24
 
Genoa 23
 
Bologna (-1) 23
 
Sassuolo 21
 
Empoli 18
 
Palermo 10
 
Crotone (-1) 9
 
Pescara (-1) 9

   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI