VERSIONE MOBILE
tmw
 Venerdì 28 Novembre 2014
INTERVISTE
30 Nov 2014 15:00
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Roma   Inter
[ Precedenti ]
INTERVISTE

Hall of Fame, Francesco Rocca: "Sono rimasto stupito per la votazione"

20.09.2012 15:48 di Francesco Gorzio Twitter: @FraGorzio  articolo letto 4448 volte
Fonte: Retesport
© foto di Andrea Pasquinucci

Francesco Rocca, ex calciatore della Roma, inserito nella lista definitiva della Hall of Fame giallorossa, ha parlato a Retesport. Ecco la sua intervista:

Sulla preferenza espressa dai tifosi

“Sono rimasto stupito dalla votazione, il popolo è sovrano. Sono passati tantissimi anni, ben 36. Non pensavo di essere rimasto così tanto nel cuore della gente. Nello stupore c’è tanta felicità, c’è la contentezza di aver reso felice tanta gente. Malgrado abbia giocato solo due anni. Non ho mai evidenziato il sacrificio del mio ginocchio perché sono i rischi del mestiere. Ho fatto quello che dovevo, ho svolto il mestiere nel modo in cui credevo. La verità è che secondo me tanti altri giocatori hanno dato tanto alla Roma e forse più di me. Però, ripeto, questa scelta dei tifosi mi ha sorpreso e mi riempie di gioia. Rimarrò nella storia anche avendo giocato solo due anni, per me è eccezionale”.

Sulla carriera da giocatore
“Professionalmente sono stato un atleta mal gestito. Nessuno mi toglierà mai dalla testa che i miei 6-7 kg in più abbiano coinciso con la fissazione dell’articolazione del ginocchio. Quando si parla di professionalità di un allenatore io tengo conto anche di questo. Deve tener conto della situazione fisica dei suoi giocatori”.

Sulla carriera da allenatore
“Io non ho avuto fortuna come allenatore per un semplice motivo: non sono mai sceso a compromessi con nessuno. Sento parlare in giro di moralità, rispetto per le regole, esempi per i giovani. Ma se scendi a compromessi, ecco che non sei più credibile. Credo di aver fatto solo il mio dovere, nell’arco di 30 anni di panchine questa caratteristica mi si è ritorta contro. Non rinnego nulla, credo sia doveroso nel mondo dello sport essere corretti, leali, professionali. Nessuno dei miei giocatori ha mai riportato un infortunio muscolare. Ho scelto di essere corretto con i ragazzi perché ho sofferto troppo nel corso della mia vita e non voglio vedere la stessa sofferenza negli altri. Quando mi sono fatto male la prima volta avevo 22 anni: un bambino. Da allenatore la mia missione è stata di essere d’esempio per gli altri, ma in pochi lo hanno creduto. Sono stato oscurato volutamente ma solo perché volevo essere un esempio positivo nel mondo dello sport. Non ho mai voluto ”vendermi”: se alleno una squadra ho due referenti: uno è il presidente, perché mi paga, l’altro è il pubblico che viene a vedermi. Io non vorrei neanche un “dirigente con la pancia”. Non ce l’ho con le persone sovrappeso, ma se devi essere d’esempio per i ragazzi, devi essere il primo a stare in forma. Spero di poter insegnare ancora ai ragazzi, perché davanti si troveranno un esempio immacolato, non uno che vuole fregarli. Io li faccio lavorare duro, i migliori giocano con me. Vi sembrano strane le mie considerazioni? Per qualcuno lo sono state. Sembra che solo evocare il mio nome spaventi”.

Anche Zeman è famoso per i suoi allenamenti duri..
“Non entro nel merito di quello che fanno gli altri. Ognuno cerca di fare il meglio per se stesso. Sono contento per il boemo, ma ha allenato 14 squadre. Le opportunità le ha avute, a me non ne hanno data neanche una. Ma oggi ho ricevuto l’attestato di stima più grande. E’ l’unico che abbia mai ricevuto. Io sono convinto che se un soggetto è troppo ben voluto dal popolo, non lo è ugualmente dalle alte sfere”.

Mai stato vicino alla panchina della Roma?
“Mai, mi era stato proposto un ruolo che non ritenevo adatto. Alla Roma non ho mai chiesto niente, come era giusto che fosse. Non ho cercato mai la pietas umana, sarebbe stato vergognoso per me. Ho voluto fare il mio mestiere senza chiedere nulla. Stando in Federazione ho avuto la possibilità di lavorare per 28 anni a contratto annuale e questo mi rende orgoglioso. Significa che al termine di ogni anno il mio lavoro è stato giudicato positivamente”.


Altre notizie - Interviste
Altre notizie
 

DOV'È FINITA LA ROMA EUROPEA?

Nella scorsa stagione, tante volte ci si era chiesto cosa avrebbe potuto fare la Roma in una coppa europea. La squadra di Garcia giocava un calcio più volte definito europeo, apparentemente adatto ad affrontare una delle due coppe, ovviamente con avversari di rango diverso...
Roma-Torino 3-0

ESCLUSIVA VG - VILLA STUART, PROF. POMPUCCI: "CASTAN? ECCO COS'È IL CAVERNOMA E LA TEMPISTICA PER IL RECUPERO"

“Il cavernoma non ha alternative che non sia l'intervento neurochirurgico, non ci sono farmaci o terapie...

KEVIN STROOTMAN TORNA IN CAMPO, IL BOATO DELL'OLIMPICO. VIDEO!

Non solo convocazione, ma anche ritorno in campo per Kevin Strootman, salutato dal boato dell'Olimpico.

SABATINI STUDIA KASAMI

Un'idea per il futuro. La Roma al lavoro, occhi puntati su Pajtim Kasami. Il centrocampista dell'Olympiacos, ex...

ASSESSORE CAUDO: "L'AREA DELLO STADIO NON È A RISCHIO"

L’assessore Giovanni Caudo ha parlato ai microfoni di Radio Radio: “Preoccupazioni fondate? Tutte le obiezioni...

ATALANTA – ROMA 1937: 0-2 PREVALE LA ROMA NELLA PRIMA ASSOLUTA TRA LE DUE COMPAGINI

La Roma si aggiudica il primo storico scontro con i nerazzurri bergamaschi. Gara che si tinge di giallorosso dopo neanche due...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 28 Novembre 2014.
 
Juventus 31
 
Roma 28
 
Napoli 22
 
Sampdoria 21
 
Genoa 20
 
Lazio 19
 
Milan 18
 
Udinese 18
 
Inter 17
 
Fiorentina 16
 
Sassuolo 15
 
Hellas Verona 14
 
Palermo 14
 
Empoli 13
 
Torino 12
 
Cagliari 11
 
Atalanta 10
 
Chievo Verona 9
 
Cesena 8
 
Parma 6

   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.